Il mulino di Villalago

You are here: Home / Il mulino di Villalago

Il mulino e la gualchiera

Nel territorio della Riserva Naturale Regionale Lago di San Domenico e Lago Pio, nella zona a monte del Lago di San Domenico, è compreso un mulino ad acqua funzionante.
Il mulino, alimentato dalle sorgenti del fiume Sagittario, risale all’anno 1000 circa come testimoniato da carte custodite nell’Abazia di Montecassino.
Conserva al suo interno una macina dell’epoca, una macina funzionante e una gualchiera funzionante, oltre che tutti gli strumenti per la manutenzione ordinaria.
L’opera di ristrutturazione del mulino ha inizio dal 2005, dove a partire da due modellini in scala realizzati dall’ultimo mugnaio, si è realizzato una macina ed una gualchiera.
Tra la sorgente ed il mulino c’è una vasca di raccoglimento che viene riempita tramite una serie di dighe e canali. Essa riempendosi viene svuotata in un canale che porta l’acqua ad altissima pressione direttamente sulla turbina che alimenta il moto rotatorio della macina. La stessa vasca alimenta la gualchiera, una delle poche funzionanti in Italia, tramite una ruota a pale. La gualchiera veniva usata per la follatura della lana, dove veniva infeltrita e resa di maggior pregio, duratura e impermeabile. È realizzata interamente in legno di rovere, formata da due magli collegati con un albero a camme a una ruota con pale, azionata anch’essa dalla forza dell’acqua.